Feb 23, 05:59 PM pubblicato in Avvenimenti da

SFILATA DI CARNEVALE

Un lungo corteo di carri a tema e maschere ha invaso le strade del paese domenica 22 febbraio. Una sfilata divertente, allegra e colorata.

Tradizione
Si mangiava e si beveva a sazietà, soprattutto i Martedí ed i Giovedí grassi, nonché le ultime tre domeniche: degli amici, dei parenti e delle comari.
L’ultimo Martedí grasso era d’obbligo mangiare nove volte: si divoravano salsicce, fegato avvolto nella rete (zéppa), “chiacchiere”, salami, “sagna” con ragú di carne e polpettine, migliacci di farina di grano duro o di granturco e timballi di varia composizione.

Citt, citt, ramm 'na caténa re sauzizza:
si me ne ràie 'nu murz
óne,
m'avasta ap_pe 'nu vocc
óne;
si me ne ràie assaie,
m'avasta òsce e cràie;
e si num_me ne vu
óie ra',
chi te pòzzeno 'nfraceta'!

(Zitto, zitto, dammi una collana di salsiccia:
se me ne dai un pezzetto,
mi basta per un boccone;
se me ne dai molta,
mi basta per oggi e domani;
e se non me ne vuoi dare,
che ti possano andare a male!)