Jan 30, 03:24 PM pubblicato in Cronaca da

2 febbraio: la Candelora

Le candele benedette…venivano usate contro il “mal di pancia e la verminosi (li viérm), dopo averle trasformate in supposte”!

La Candelora (la ‘Ngannilòra)

   Nella giornata di oggi i Confratelli della Congrega dell’Immacolata raccoglievano tra i fedeli offerte in cambio di candele benedette, da accendere nelle abitazioni e da usare: per i parti difficili; per l’agonia di un congiunto; per scongiurare siccità, fulmini, tempeste, grandine, malattie, epidemie e morte; per gli esorcismi; per favorire fidanzamenti, matrimoni e nascite; contro il mal di pancia e la verminosi (li viérm), dopo averle trasformate in supposte.

Ríce la vecchia ardita:
“Viérn fernisce a Sandu Uíto.”
Responn la vècchia fata:
“Viérn èglia quann lu fàce.”
Ríce lu vècchie auzann lu ríto:
“Num-bassa viérn si nunn’èglia Sandu Uíto.”
Ma la stréha fàce sta’ citt a tutti quanda:
“Nóne, viérn èglia fin’a chi rura!”

(Dice la vecchia ardita:
“L’inverno finisce a S. Vito.”
Risponde la vecchia fata:
“L’inverno è quando lo fa.”
Dice il vecchio levando il dito:
“Non passa l’inverno se non è S. Vito.”
Ma la strega mette tutti a tacere:
“No, l’inverno è fino a che dura!”

Alcuni proverbi

A la ‘Ngannilòra, ògne gaddrina accummènza a caca’ òve.
Alla Candelora, ogni gallina comincia a produrre uova.

A la ‘Ngannilòra, ra viérn símo fòre.
Alla Candelora, dall’inverno siamo fuori.

Lu pastóre vulía chiú lu lúpo a re pècure ca lu sóle a la ‘Ngannilòra.
Il pastore preferiva il lupo tra le pecore al sole il giorno della Candelora.